Le regole del tè e dell’amore / Roberta Marasco

La via del tè è sempre quella giusta

La vita racchiusa in una tazza di tè

recensione le regole del tè e dell’amore di Roberta Marasco

Il tè nelle sue innumerevoli varietà è la migliore compagnia di Elisa, la protagonista di questo romanzo elegante e ammaliante.

Profumi e suggestioni che si sprigionano dalle foglie in infusione sono in grado di tranquillizzarla, farla sentire meno sola e riportarle accanto, anche se per pochi istanti, le persone che ha amato e perso.

Elisa è una giovane donna brillante e sensibile, ma che ha paura di spiccare il volo. Ha sofferto tanto e la vita l’ha messa a dura prova tante volte. La sua certezza è rappresentata dalle regole fondamentali per preparare un’ottima tazza di tè, che le aveva insegnato la mamma.

Una donna che difficilmente lasciava trasparire i propri sentimenti e che ha amato la figlia profondamente, ma senza la capacità di lasciarsi andare fino in fondo e di aprirle il suo cuore.

Come sua madre Daria, anche Elisa non riesce ad andare a fondo nell’amore. Ha paura di essere felice, perché la felicità porta sempre sconvolgimenti e nuovo dolore.

Benvenuti a Roccamori

Ed è forse per un caso, o forse per destino, che Elisa si trova a Roccamori, un borgo arroccato tra le colline, con un passato di nota località turistica.

Quando arriva a Roccamori Elisa si sente come se fosse tornata a casa. Sarà in quel piccolo paese che imparerà a “seguire la via del tè” e anche a scottarsi la lingua, come accade con i sogni ad alta temperatura e a vivere appieno la vita.

Ho apprezzato lo stile elegante e leggero di Roberta Marasco, che ci offre anche un viaggio meraviglioso tra le qualità di tè. Vi assicuro che dalla prima pagina vi verrà una voglia incontenibile di preparare un’infusione. Inizierete a cercare qualità particolari di tè, delle quali non sospettavate nemmeno l’esistenza. Garantito.

Il romanzo è una riflessione sulla capacità e il coraggio di amare, anche a costo di stravolgere la propria vita e, se necessario, fare un salto nel buio. Si parla tanto anche di società di donne, il nido tutto al femminile della famiglia di Elisa, ma anche la casa delle camelie di Roccamori, dove da anni ci si ritrova per il tè, per sconfiggere un’antica maledizione.

Un romanzo che consiglio di leggere ovviamente davanti a un’ottima tazza di tè. Sono sicura che in tutte noi c’è un po’ di Elisa, della sua voglia di cambiare che, prima o poi, vince tutte le paure.

No Comments

Post A Comment