Fai uno squillo quando arrivi / Stella Pulpo

Storia (molto verosimile) di una trentenne di oggi

RECENSIONE FAI UNO SQUILLO QUANDO ARRIVI DI STELLA PULPO

Essere una trentenne nel 2017 è immensamente più facile e immensamente più difficile rispetto a qualche decina di anni fa. La libertà di scegliere cosa fare della propria vita è oggi un diritto acquisito (e meno male!) ma mette una giovane donna di fronte a millemila possibilità. La carriera, il matrimonio, i figli. Essere trentenne a Milano è ancora più difficile. Cosa vuole una trentenne del 2017? Posso rispondere con le parole dell’autrice del romanzo, che ho avuto il piacere di incontrare e intervistare: “Tutto”.

Volere “tutto” significa cercare la realizzazione nel lavoro, l’amore, i figli, gli amici, il divertimento. Significa non accontentarsi. Nina, protagonista di “Fai uno squillo quando arrivi“, pugliese trapiantata a Milano, è alla ricerca della felicità e del suo posto nel mondo. Tra il suo pezzo di cuore a Taranto e il suo nuovo status di milanese (che ha conquistato a fatica), combatte con il ricordo di Alessandro (detto anche PDM), l’ex fidanzato, grande amore della sua vita, e la voglia di ricominciare a vivere.

Quello che potrebbe sembrare scontato, in questo romanzo, non lo è. Se pensate di trovare una risposta all’eterna domanda: “Si può dimenticare colui che abbiamo amato con tutte noi stesse ed essere di nuovo felici?” beh non la troverete. Però troverete tante altre interessanti domande. L’idea vincente dell’autrice è quella di far assumere a PDM una droga sintetica che è in grado di far tornare la mente indietro del tempo. E così l’ex di Nina si convince di vivere negli Anni ’90, quando non c’erano gli smartphone e i genitori ti raccomandavano: “Fai uno squillo quando arrivi”.

Negli Anni ’90 i fidanzati ti mandavano mazzi di fiori e compilation personalizzate. Non c’era Spotify e si stava al telefono per ore. Si scrivevano ancora le lettere, con carta e penna. E così Nina, tornata in Puglia per le vacanze, deve affrontare il vuoto di memoria di Alessandro. E i fantasmi del suo passato: avrà il coraggio di chiudere la porta sulla storia che le ha spezzato il cuore e guardare avanti?

Il finale è aperto, il che mi fa pensare che Stella stia pensando a un seguito. Ottima scrittura, con uno stile leggero per affrontare concetti anche profondi. Ci sono diversi piani di lettura. Sullo sfondo di Taranto c’è l’Ilva e ci sono i morti di tumore. C’è anche un quadro molto realistico della vita milanese, dove puoi sperimentare la solitudine più estrema, ma anche trovare infinite possibilità.

E poi la questione cruciale: cosa ci portiamo dentro delle storie passate? Esiste un solo grande amore nella vita che è in grado di farti toccare le stelle e trascinarti in fondo all’abisso? E chi verrà dopo sarà solo qualcuno che saprà farci “stare bene”?

Con ironia e solo apparente leggerezza, Stella Pulpo descrive la realtà attuale. Di “Fai uno squillo quando arrivi” ho apprezzato soprattutto la verità, che si intravede in ogni singola parola. Aspettiamo il sequel.

amazon-storeapp-store
No Comments

Post A Comment